skip to Main Content
Gli Studenti Del Liceo Artistico Di Mantova Progettano CON LA QUERCIA

Gli studenti del Liceo Artistico di Mantova progettano CON LA QUERCIA

Al via il nuovo progetto che usa le tecnologie fablab

 per innovare in termini di disabilità

 

Nell’ambito del percorso di alternanza scuola-lavoro prende il via l’innovativo progetto “Fabbricazione digitale e soluzioni per la disabilità” che nel 2019 impegnerà 15 studenti di 3Design del Liceo artistico Giulio Romano di Mantova nello studio delle tecnologie maker.

Con l’obiettivo di progettare soluzioni e ausili da destinare ai nostri ragazzi impegnati presso i laboratori artigianale e occupazionale, al fine di aiutarli nelle operazioni quotidiane rendendoli così più autonomi e sicuri nel proprio lavoro.

A promuovere il progetto e renderlo economicamente fattibile è PromoImpresa Borsa Merci, Azienda speciale della Camera di commercio di Mantova, grazie al Fondo Perequazione di Unioncamere nazionale 2015/2016 e all’impegno delle referenti Nicoletta Perini e Alessandra Ligabue. Portavoce delle tecnologie maker è invece il Laboratorio Territoriale per l’Occupabilità LTO Mantova.

I giovani studenti maker saranno accompagnati per quasi 100 ore di formazione e laboratorio dagli esperti Cristiana Giordano e Massimiliano D’Angelo che hanno conseguito la Fab Academy proprio grazie ai progetti attivati a Mantova. La formazione verterà su tutte le tecnologie utili per la progettazione spaziando dal disegno CAD alla modellazione 3D, dalla stampa 3D al taglio laser e non solo.

Il primo incontro previsto dal progetto, avvenuto questa mattina, ha visto la classe ospite della Cooperativa. Durante la mattinata gli studenti hanno visitato i servizi e e iniziato a rilevare le necessità messe in campo dai ragazzi e dagli educatori al fine di trovare adeguate risposte e soluzioni attraverso le tecnologie maker una volta tornati a scuola con gli esperti del laboratorio LTO Mantova.

Un secondo momento in Cooperativa è previsto il 7 marzo e prevede la prima presentazione da parte degli studenti dei prototipi ideati, fase importante per verificare la fattibilità, la validità e l’utilità dell’ausilio progettato. Durante la seconda fase di progettazione sono previsti momenti di scambio culturale sulle tecnologie maker al liceo tra gli studenti designer e alcuni dei nostri ragazzi. Il termine del progetto è previsto in maggio con la consegna ufficiale alla cooperativa dei dispositivi progettati dagli studenti.

Valore aggiunto della sperimentazione non è solo il tema progettuale, ma soprattutto lo scambio culturale, di competenze ed esperienze tra i giovani coinvolti che saranno così contemporaneamente co-progettisti, utenti e fruitori delle soluzioni individuate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
×Close search
Cerca