skip to Main Content

Secondo le disposizioni del D.Lgs. n. 33/2013 la Cooperativa ha l’obbligo di rendere pubblico una serie di dati che fanno riferimento ai servizi Socio-Sanitari accredidati.

Nel nostro caso i servizi di cui sopra sono precisamente il Centro Diurno Disabili e la Comunità Alloggio Socio Sanitaria.

 

COSTI CONTABILIZZATI

Ogni singolo servizio contabilizza i costi, coerentemente con i dati di Bilancio, secondo uno schema definito tutti gli anni da Regione Lombardia. I costi sono contabilizzati al netto dell’IVA.

Cliccando sul servizio scelto è possibile visualizzare e scaricare i dati.

Centro Diurno “Spazio Aperto”

Comunità Alloggio Socio Sanitaria “Don Paolo Bazzotti”

 

CARTA DEI SERVIZI

Per completezza di informazioni, la carta dei servizi scaricabile da questa sezione, comprende tutti i servizi gestiti dalla Cooperativa, anche quelli non Socio-Sanitari accreditati. Sfogliando il documento si potrà conusultare  efficacemente i capitoli riferiti, in modo distino, della Comunità Alloggio Socio Sanitaria e del Centro Diurno Disabili.

Scarica Carta dei Servizi

 

LISTA D’ATTESA

Criteri per la formazione della lista d’attesa

L’analisi e la valutazione della domanda di ammissione compete a La Quercia in quanto Ente gestore il quale, in collaborazione con la famiglia e con un’équipe tecnica interna alla Cooperativa, valuta l’assegnazione al servizio più idoneo tra quelli della propria filiera a rispondere ai bisogni della persona disabile e della sua famiglia. Per i servizi accreditati (C.D.D. e C.S.S.) viene compilata la Scheda Individuale Disabile (SiDi), come previsto dalle relative Delibere della Regione Lombardia (VII/18333 e VII/18334 del 23/07/2004), con la finalità di attuare una classificazione in base alla quale stabilire il carico assistenziale e sanitario richiesto. Infine, il nominativo verrà inserito nella lista d’attesa del servizio individuato. In caso d’inserimento in un servizio appartenente ad un altro Ente gestore è necessario comunicarlo alla segreteria de “La Quercia” utilizzando il modulo consegnato al momento della domanda di ammissione. In ogni caso, l’ingresso in altro servizio fa decadere il nominativo dalla lista d’attesa.

La lista d’attesa viene gestita prevedendo delle priorità d’accesso basate sull’intersezione di più variabili che permettano di “mettere al centro” prioritariamente il bisogno della persona disabile e della sua famiglia. Al fine di garantire la massima oggettività e trasparenza possibile, viene attribuito un punteggio da 1 a 5 relativamente ad ognuno dei seguenti criteri.

1° criterio: compatibilità (1 = minor compatibilità fino a 5 = massima compatibilità)

Valutazione da parte dell’équipe interna (composta dal Responsabile dell’Area Disabili, dal Coordinatore del servizio e dai consulenti della Cooperativa) dei bisogni e delle caratteristiche del candidato in rapporto al gruppo di utenti in cui dovrebbe essere inserito.

2° criterio: il passaggio interno (1 = utente esterno; 5 = utente interno)

Viene privilegiato il passaggio interno degli utenti già in carico ai servizi della Cooperativa in quanto l’avanzare dell’età e/o l’aggravarsi delle patologie, o viceversa per il proporsi di progetti che prevedono una maggiore autonomia alla fine di percorsi più protetti, possono richiedere il trasferimento dell’utente ad altri servizi della Cooperativa.

3° criterio: la residenza (1 = non residente; 5 =residente)

Viene tendenzialmente data la precedenza alle persone disabili residenti nel Comune di Roverbella.

4° criterio:  cronologico (data della domanda)

Valutati i criteri precedenti, viene data priorità all’ordine cronologico della domanda d’ammissione.

In ogni caso, visti tutti i criteri e dandone oggettiva motivazione, la decisione finale circa l’ingresso dell’utente nei servizi de “La Quercia” compete all’équipe tecnica interna alla cooperativa.

Per quel che riguarda l’ammissione di persone disabili residenti in Comuni extra Provincia o Regione, la Cooperativa si riserva di valutare i singoli casi nell’ambito dei propri organi direttivi. L’accoglienza sarà successivamente subordinata all’assunzione dell’impegno di spesa da parte del Comune di residenza  e relativa comunicazione alla Direzione della Cooperativa.

 

 

Back To Top
×Close search
Cerca